Articolo completo

Serie B, un “quasi pareggio” nell’ultimo weekend casalingo contro le Pantere di Potenza Picena

Una sconfitta e una (quasi) vittoria nella penultima domenica di campionato del Pianoro Baseball. Sul diamante di casa contro le Pantere di Potenza Picena, i ragazzi di Deligia cadono in gara-1 sul punteggio di 15-18, mentre il secondo incontro viene concluso anzitempo sul parziale di 16-10 per i verdeblu causa oscurità.
Un risultato che purtroppo lascia l’amaro in bocca al Pianoro Baseball, dato che in testa alla classifica, la doppia vittoria dei Torre Pedrera Falcons contro Foggia consente ai romagnoli di allungare di due vittorie il distacco, proiettandoli quasi aritmeticamente in serie A.

Speranze di una promozione cercata fino all’ultimo che si sono spente al termine della prima partita, che ha visto una difficile partenza del lanciatore di casa Boschetti, complice un infortunio già al primo inning, che costringe Deligia alla sostituzione sul monte di lancio con il rilievo lungo Piccolo, mentre i marchigiani ne approfittano portandosi sullo 0-4.
Come di consueto però, il Pianoro non si lascia abbattere dalle situazioni complesse e reagisce d’orgoglio, recuperando subito due punti grazie al doppio di Vitali e al triplo di Cappiello. Sul fronte difensivo pianorese, Piccolo riesce a tenere a bada senza troppe difficoltà le mazze delle Pantere, subendo una segnatura al terzo inning e altre 3 al quinto, complici diverse imprecisioni della difesa.
Nonostante il punteggio di 2-8 per gli ospiti però, Pianoro trova nuovamente la forza di reagire – prima nella parte bassa del quinto inning, con 2 punti realizzati con le battute di Frascaroli (doppio), Chieregatti e Vitali e poi nella ripresa successiva, con addirittura 6 punti che ribaltano l’equilibrio del match.
All’ottavo inning termina la splendida prestazione di Piccolo sul monte di lancio (6.2 ip, 2 er), sostituito da Cappiello, mentre le Pantere segnano il punto del 10-9. Gli ulteriori 4 punti messi a referto dal Pianoro subito dopo sembrano la conclusione anticipata dell’incontro, con in risalto le battute ancora di Vitali, Cappiello, Scagnolari, Clemente, Di Tavi, Frascaroli, ma è ad inizio nono inning che accade di tutto.
Sono 9 infatti le segnature realizzate dai marchigiani, con un home-run grande slam che taglia definitivamente le gambe al Pianoro Baseball, capace soltanto di accorciare le distanze di un punto nell’ultimo attacco disponibile, chiudendo di fatto la partita sul 15-18 per gli ospiti.

Nel secondo match di giornata, le chiavi del monte di lancio verdeblu vengono affidate a Frascaroli, che subisce subito l’aggressività del lineup ospite subendo 4 punti al primo inning e 1 al secondo. La reazione del Pianoro in questo caso invece tarda ad arrivare, con 1 solo punto totalizzato nei primi tre inning con il doppio di Scagnolari. Al quarto inning, dopo la successione sul monte tra Frascaroli e il rilievo Chieregatti, arrivano altri 3 punti firmati dalle Pantere, che conducono l’incontro per 1-8. Ma quando la partita sembra già instradata verso un secondo trionfo ospite, ecco arrivare 15 punti nelle riprese centrali, con il lineup Pianorese caldissimo (valide di Signorile, Menarini, Facchini, Raccio, Ruberto, Clemente e Chieregatti).
Sul parziale di 16-8, ecco arrivare la sostituzione sul monte di Chieregatti (vittoria per lui, 3 ip e 0 er) con il giovanissimo closer Pietro Ventura, promettente 15enne prodotto del vivaio pianorese, che riesce a mantenere il controllo dell’incontro subendo solo 2 punti fino al nono inning, quando a due out dalla fine viene decretato dagli arbitri l’impraticabilità di gioco per oscurità. La partita viene dunque classificata come “da recuperare”, ma soltanto nel caso risultasse utile ai fini della classifica generale del girone C, per decretare promozioni o retrocessioni.

Un weekend, quello appena trascorso, che purtroppo riduce al minimo le possibilità dei ragazzi di Deligia di tentare l’assalto alla promozione all’ultima giornata, ma che non deve oscurare l’ottimo campionato giocato, sempre ai vertici della classifica e con gradi prospettive per le prossime stagioni.

Let’s go Pianoro!