Articolo completo

Serie B: il Pianoro in trasferta a Foggia si divide la posta col Fovea Embers

Buon pareggio in trasferta a Foggia per il Pianoro Baseball Club, che sul diamante del Fovea Embers dà vita a due incontri combattutissimi e si divide la posta in gioco con i padroni di casa.

I ragazzi di coach Deligia, reduci dalla roboante doppietta all’esordio, raggiungono così le 3 vittorie e 1 sconfitta, attestandosi nella parte alta della classifica insieme ai foggiani e alla capolista Falcons di Torre Pedrera.

Gara-1 dal punteggio bugiardo, dato che terminata al primo extra-inning in cui il Pianoro colleziona addirittura 8 segnature, mettendo così in cassaforte il risultato. È Lussiana il lanciatore partente scelto da Deligia per aprire le danze contro il Fovea Embers, che dall’altra parte oppongono Faria Acosta. Bisogna attendere il terzo inning per vedere decollare l’incontro, grazie al punto messo a segno dal Pianoro con Frascaroli, complice un errore difensivo avversario, ma la reazione dei foggiani non si fa attendere e arriva immediatamente il pareggio che attesta il parziale sull’1-1.

Da questo momento in poi, entrambi i lanciatori riescono a riprendere il controllo della partita e chiudono la porta ad ogni possibile tentativo di portarsi in vantaggio. Da incorniciare infatti la prestazione di Lussiana, che totalizza ben 6 riprese lanciate, 5 strikeout e 1 solo punto subito. Al partente verdeblu succede il rilievo Lucchini che, dopo un settimo inning condotto egregiamente, subisce l’offensiva dei padroni di casa e anche a causa di un imprecisione difensiva concede il punto del vantaggio foggiano: 2-1. Il Pianoro non si scoraggia, e nell’ultima ripresa tenta il tutto per tutto per recuperare lo svantaggio: singolo di Signorile, Ruberto F. base su ball e Scagnolari che spara un doppio che porta a casa base l’RBI del 2-2. Lucchini è abile nel chiudere senza premure il 9° inning e dunque via agli extra-inning, in cui Pianoro comincia a macinare punti su punti, portando il totale sul 2-10, con una sola difesa da concludere. A questo punto è il closer Cappiello che conduce in porto l’incontro, la terza vittoria consecutiva dei ragazzi di coach Deligia.

Anche il secondo match sul diamante di Foggia è stato al cardiopalma, con un susseguirsi di recuperi e colpi di scena che hanno mantenuto in bilico il risultato fino all’ultimo inning. Le chiavi del monte Pianorese vengono affidate a Boschetti, che purtroppo parte in grande difficoltà per via di ben 3 errori della propria difesa, che costano 2 punti subito messi a segno dal Fovea Embers. Foggiani che prendono il largo nel successivo attacco, con un lineup in grande spolvero grazie alle 6 valide realizzate e ai 5 punti portati a casa. Nonostante il pesante parziale di 7-0 però, il Pianoro non si scoraggia e già nel terzo inning totalizza 3 segnature che permettono di accorciare le distanze: fondamentali le valide di Ruberto F., Scagnolari e Di Tavi.

Distanze che diventano ancora più ridotte all’inizio del sesto, quando il Pianoro si porta sul 7-6 grazie a Signorile, Scagnolari e Cappiello. Nel frattempo Boschetti riesce a ritrovare gli equilibri sul monte e continua a imbrigliare le mazze avversarie negli inning successivi, non concedendo praticamente nulla fino alla sesta ripresa, quando i foggiani realizzano un punto che portano il parziale sull’8-6. A questo punto sono prima Piccolo e poi Frascaroli a salire sul monte per i verdeblu, mentre non basta la segnatura degli ospiti ad inizio ottavo inning per riacciuffare il Fovea Embers, che vince così gara-2 sul punteggio di 8-7.
Pareggio che rappresenta comunque un ottimo segnale di continuità per la formazione pianorese, che domenica sarà nuovamente in trasferta, ospite sul campo della capolista Torre Pedrera per tentare l’assalto alla cima della classifica.
Let’s go Pianoro!