Articolo completo

Serie A: Ancora un pareggio

La trasferta più vicina dell’anno per la SM Pianorese va in scena sul campo del Pilastro a Bologna in casa degli Athletics, la gara del mattino si chiude con una vittoria per gli ospiti per 7 a 1, mentre l’incontro del pomeriggio è vinta dagli A’s con il punteggio di 3 a 1, match diversi, ma entrambi molto combattuti.

Il punteggio finale di Gara 1 non rende giustizia all’equilibrio che ha caratterizzato i primi 8 inning, infatti i rispettivi lanciatori (per Pianoro è Lussiana il partente) concedono poco agli attacchi, la SM Pianoro riesce a passare al secondo inning con Guevara, (base ball) portato a casa dal singolo di De Boni, e nel terzo con Scagnolari, anche lui base poi a casa su rubata con doppio errore della difesa, per il resto poco da segnalare, gli Athletics si rendono pericolosi al 6° quando riempiono le basi con un solo eliminato, ma la battuta in diamante viene gestita da Lussiana conassistenza a De Boni a casa (out forzato) che gira Guevara in prima per il doppio gioco che risolve la situazione. Bisogna attendere l’ottava ripresa per vedere ancora un punto per Pianoro con De Boni (singolo, nella foto l’arrivo a casa) che avanza su battute in diamante, ma ci vuole ancora un errore per permettere l’arrivo sul piatto. Nella parte bassa della ripresa, dopo un out arriva una valida che pone fine alla prova di Lussiana che scende tra gli applausi e la palla viene consegnata a Filippo Salviato per portare a casa l’incontro, con 2 singoli i padroni di casa tolgono lo 0 dal tabellone, ma non vanno oltre. Il nono attacco verdeblù mette la parola fine alle speranze dei padroni di casa: una base, 3 valide e un errore valgono 4 punti, e con 6 lunghezze da recuperare l’ultimo attacco degli Atheltics è una impresa ardua, la difesa ospite chiude senza patemi per il definitivo 7 a 1.
Match quindi equilibratissimo fino alla fine, 8 valide per parte, la differenza la fanno gli errori (4 per gli A’s, nessuno per Pianoro) e le basi concesse (11 a 2), nel box buone le prove di Francesco Salviato (2 su 3 con un doppio e un rbi) e De Boni (2 su 4 con 2 rbi), ottima la prova difensiva globale, da segnalare la prova di Rizzi con ben 7 assistenze. Sul monte una ottima prova per Lussiana (vincente, 7.1 i.p, 6 valide e 5 strike out) e una buona chiusura per Filippo Salviato (salvezza, 1.2 i.p., 2 valide, 0 punti subiti)

Il tabellino di Gara 1 dal sito FIBS

La gara del pomeriggio, che solitamente è destinata ai pitcher non di scuola italiana, vede per i padroni di casa sul monte il nazionale cubano Montieth, che parte subito con tre out, mentre sul monte ospite il duo Viesti – Avallone consegna la palla nelle mani di Federico Bardasi, ma la sua partenza purtroppo è difficile e viene toccato duro dal line up di casa e deve subire 3 punti a fronte di 2 out, a questo punto avviene il rilievo e cominicia lo show di Mazzocchi con il primo K della sua partita. Purtroppo dare 3 punti di vantaggio ad una formazione che ha sul monte un Montieth in spolvero è un handicap durissimo da superare e non basta un super-Mazzocchi che alla fine sfiora la perfezione (7.1 i.p., 1 valida nel settimo inning, 0 bb, 10 K, 0 punti) per recuperarlo, solo nel terzo inning Pianoro riesce ad andare sul tabellone con Zucchelli (base e rubata) spinto a casa dal singolo del capitano Rizzi, per il resto solo altre 2 valide sparse durante le riprese, troppo poche e diluite per impensierire il campione cubano e neppure nel nono sul rilievo di Draghetti, pur colpito dal singolo di Rofrano, si riesce a concretizzare la rimonta.
Alla fine un attacco sterile, messo in difficoltà dal lavoro pitcher avversario, soltanto Rizzi riesca a leggere i suoi lanci e ottenere un buon 2 su 4 nel box, di De Boni e Rofrano le altre sole valide, in difesa 2 errori ininfluenti sul risultato e ancora nota per Rizzi con altre 8 assistenze. Sul monte una falsa partenza per Bardasi, mentre, come già detto, una prestazione da ricordare per Mazzocchi che avrebbe meritato maggior fortuna.

Il tabellino di Gara 2 dal sito FIBS

Dato il pareggio tra Verona e Castenaso, la lotta per il quarto posto in classifica resta immutata, adesso comincia il trittico di partite finali con le prime 3 della classifica, si comincia nel prossimo week end ospitando la prima della classe, sul diamante di Ozzano arriveranno infatti i Paternò Red Sox leader del girone, eccezionalmente, date le difficoltà per una trasferta di questo genere, le partite saranno giocate su due giorni, Gara 1 sarà disputata sabato 25 giugno alle ore 16, mentre Gara 2 (con il probabile duello Mazzocchi – Perez) andrà in scena domenica 26 alle ore 10. Anche questa volta ci sarà l’occasione, per chi non potrà venire al campo, di seguire gli incontri sul nostro play-by-play#LetsGoPianoro!